Medicina estetica e Dieta Chetogenica: un binomio vincente per ottener migliori risultati

La Medicina Estetica è un’autentica protagonista della nostra epoca: c’è chi oggi ne sottolinea solo gli aspetti negativi, riferendosi ad ossessioni e immagini eccessivamente ritoccate dei personaggi che vi fanno ricorso nel modo sbagliato, e chi invece sa bene quanto possa essere utile per vivere meglio correggendo difetti legati all’aspetto fisico ma soprattutto quanto possa aiutare nel percorso di salute.

La Dieta Chetogenica è un aiuto per la Medicina Estetica, proprio in relazione a quella che è la naturale funzione di quest’ultima: migliorare la vita e la salute delle persone. Si ricorre ai protocolli di Medicina Estetica, infatti, quando un problema di carattere estetico combacia innanzitutto con un problema di salute e la vita quotidiana resta difficile finché non viene risolto.

La terapia alimentare della VLCKD diventa importante per potenziare ma soprattutto semplificare interventi estetici di routine, rendendoli meno invasivi: possiamo infatti pensare ad una vera e propria “combinazione terapeutica” il cui effetto non è che il risultato di due elementi, l’uno potenziato dall’altro.

Pensiamo ad esempio a chi ha perso molto peso seguendo diete che non hanno tenuto conto del tono muscolare ed ha quindi subito un cedimento dei tessuti: questo è proprio uno dei casi in cui la Dieta Chetogenica, in maniera mirata, interviene favorendo la perdita di adipe rimasto in punti localizzati, rendendo quindi più semplice dopo il compito di armonizzazione della Medicina Estetica.

Questo è solo uno degli svariati ambiti di applicazione della Medicina Estetica abbinata alla Dieta Chetogenica, tra cui facciamo rientrare tutte quelle problematiche legate all’aumento di peso (es. linfedema, cellulite, ritenzione idrica) che ormai è dimostrato traggano vantaggio da questa combo con la nuova terapia alimentare. Insieme scopriremo e approfondiremo tutti questi vantaggi e molto altro, per capire che l’obiettivo della Medicina estetica, così come quello di una terapia alimentare, deve essere innanzitutto la salute del paziente, di conseguenza insieme ad essa anche il suo grado di soddisfacimento estetico e il benessere personale che ne consegue. La Medicina Estetica è una branca interessantissima e soprattutto utile della medicina: è giunto il tempo di riconsiderarla per le sue funzioni, senza stravolgerne gli obiettivi ma ripristinandone la nobile funzione di far “star bene” i pazienti che ne fanno ricorso.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *